6 date che hanno segnato la storia di Wall Street

Pablo René-Worms
July 30, 2021
 · 
6 minuti
 · 
Vivid Invest

Il New York Stock Exchange (NYSE) è la più grande borsa valori del mondo e ospita l'82% dello S&P 500, così come 70 delle più grandi società del mondo. Ma come ha fatto a diventare il luogo di potere che è oggi? Diamo un'occhiata alla sua storia. 

1792: prima di Wall Street, l'accordo di Buttonwood

24 agenti di cambio, nel 1792, si incontrano sotto un albero di platano in quella che oggi è Wall Street, a New York City. Danno vita a borsa centralizzata con focus il fiorente mercato dei titoli negli Stati Uniti. L'accordo elimina la necessità di banditori – usati frequentemente per il grano, il tabacco e altre materie prime – e stabilisce un tasso di commissione. L'organizzazione fa del Tontine Coffee House il suo quartier generale e si concentra sui titoli di stato.



1863-1903: organizziamoci

Nel 1863, quello che dal 1817 precedentemente veniva chiamato New York Stock & Exchange Board, prende il suo nome definitivo e diviene il New York Stock Exchange (NYSE) che tutti noi conosciamo. Due anni dopo, il NYSE si stabilisce nel suo indirizzo definitivo: 11 Wall Street. Il NYSE non si è mai spostato da allora, ma l'edificio che conosciamo oggi fu inaugurato nel 1903 allo stesso indirizzo.



1920: bomba su Wall Street

16 settembre 1920, è mezzogiorno quando un carro trainato da cavalli passa per l'affollata Wall Street, dove la gente sta pranzando. Il carro si ferma di fronte alla sede della banca J.P. Morgan & Co. nell'angolo più frequentato del distretto finanziario. Il carro mortale contiene circa 50 kg di dinamite e quasi 250 kg di ferro ed esplode alle 12.01 con una detonazione a tempo. L'esito è disastroso: 30 persone muoiono nell'attacco e altre 10 più tardi per le ferite riportate. Il numero dei feriti è di centinaia.

Ancora oggi, un secolo dopo l'evento, il caso non è stato ufficialmente risolto. Gli storici e gli investigatori credono che l'attentato sia stato realizzato dal gruppo di anarchici italiani chiamati galleanisti, responsabili di una serie di attentati nel 1919.




1929: ecco che arriva lo schianto

Giovedì 21 ottobre 1929: il mercato azionario ha aperto le porte. La campana di apertura ha appena suonato e ha già perso l'11%. È il cosiddetto giovedì nero. I volumi scambiati sono così alti che il resoconto dei prezzi delle azioni negli uffici di tutti gli Stati Uniti è in ritardo di ore, gli investitori non hanno idea del valore della maggior parte delle azioni. 

Per limitare i danni, gli investitori istituzionali guidati da Richard Whitney, vicepresidente del NYSE, intervengono direttamente: Whitney si avvicina alla postazione di quotazione di U.S. Steel, chiede il prezzo corrente (195) e annuncia "Sto comprando 25.000 azioni a 205". Non appena le prime azioni vengono scambiate, fa lo stesso con diverse altre blue chip e va in giro per una dozzina di stazioni. I prezzi si riprendono rapidamente e il calo della giornata viene limitato al 2,1%.

Il sollievo non dura a lungo. Lunedì 28 ottobre, altri investitori decidono di uscire dal mercato; lo scivolone continua con una perdita record del Dow del 12,82% per la giornata. È il lunedì nero. Il 29 ottobre 1929, il "martedì nero" colpisce Wall Street. Miliardi di dollari vengono persi, spazzando via migliaia di investitori. Il Dow perde un ulteriore 11,73%, per un calo totale del 23% in due giorni.

Il crollo del 1929 è stato il risultato di una bolla speculativa originatasi nei primi anni '20. L'introduzione a Wall Street nel 1926 del nuovo sistema di acquisto a credito di azioni chiamato prestito amplificò la bolla. Gli investitori potevano comprare azioni con una copertura solo del 10%. In altre parole, per ogni dieci dollari che compravano, depositavano solo un dollaro. Il tasso di prestito cambiava in base al tasso di interesse a breve termine e la sostenibilità di questo sistema dipendeva, in parte, dalla differenza tra il tasso di crescita delle azioni e il tasso di prestito.



1967: e le donne?

175. Questo sono gli anni che le donne hanno dovuto aspettare prima di poter comprare un posto al trading floor del NYSE: il luogo dove tutto si fa e si disfa. Se non c'è mai stata una regola specifica contro le donne che avevano un posto alla NYSE, il problema era che bisognava avere uno sponsor per accedervi.

La pioniera si chiama Muriel Siebert. Per comprarsi il posto, dovette passare attraverso nove colleghi maschi prima che uno finalmente dicesse di sì.

Per il decennio successivo, rimase la sola donna accanto a 1.365 uomini e non aveva nemmeno accesso ai servizi igienici, dato che non c'era un bagno per le donne sul piano delle contrattazioni.

Le cose sono ovviamente (ma lentamente) cambiate da allora, dato che il capo del NYSE dal 2018 è una donna il cui nome è Stacey Cunningham.


1987: ecco che arriva lo schianto (di nuovo)

Lunedì 19 ottobre 1987, il Dow Jones ha perso il 22,6%. Questo è il lunedì nero. Eppure il 1987 sembrava promettente, con il Dow Jones che aveva raggiunto un nuovo record in agosto. Nonostante ciò, non tutti gli indicatori erano verdi.

I mercati azionari inizialmente accolgono con favore l'aumento dei tassi di interesse a lungo termine, in linea con la loro visione e rafforza l’ottimismo. Questo viene visto come un segno che il mercato delle obbligazioni condivide la loro visione di un'economia in crescita.

Eppure, una volta raggiunto un certo livello, i tassi d'interesse diventano un freno agli investimenti e alla crescita economica e, soprattutto, diventano incompatibili con i livelli di valutazione delle azioni. Perché detenere azioni, un'attività rischiosa, quando i titoli di stato, che non presentano alcun rischio di capitale, hanno un rendimento maggiore? È come se il mercato delle obbligazioni avesse improvvisamente rimosso le fondamenta su cui poggiava il mercato azionario.

Inoltre, una serie di strutture complesse resero possibile l'acquisto di aziende facendosi carico di debito attraverso leveraged buyout (LBO). Il mercato delle obbligazioni spazzatura era in piena espansione, spingendo la speculazione più in alto e rendendo i mercati più soggetti all'instabilità.

Una delle conseguenze del crollo del 1987 fu l'introduzione del circuit breaker, che permetteva alle borse di fermare temporaneamente le negoziazioni in caso ci fossero cali di prezzo eccezionalmente grandi in alcuni indici. Basato sull'idea che un periodo di raffreddamento avrebbe aiutato a dissipare il panico delle vendite, queste chiusure del mercato vengono attivate ogni volta che un grande declino di mercato predefinito si verifica durante la giornata di negoziazione. Sono stati utilizzati più volte durante il crollo del mercato azionario del 2020.

Inspired? Try this!
Open your free account now and start saving every day.
Inspiriert? Probiere es selber!
Öffne jetzt dein kostenloses Konto und fang an täglich zu sparen.
Ceci vous inspire-t-il? Faites un essai!
Ouvrez maintenant votre compte gratuit et commencez à épargner tous les jours.
¿Inspirado? ¡Prueba esto!
Abra su cuenta gratuita ahora y comience a ahorrar todos los días.
Ispirato? Prova questo!
Apri subito il tuo account gratuito e inizia a risparmiare ogni giorno.