Come fanno gli artisti a guadagnare?

Paula Cabrito de la Torre
June 11, 2021
 · 
5 minuti
 · 
Vivid Invest

Volersi guadagnare da vivere seguendo una delle proprie passioni può essere una delle decisioni più difficili della vita. Uno dei motivi principali è il denaro. 

Guadagnarsi da vivere con l'arte richiede un grande investimento in formazione e lavoro non retribuito. A volte si viene generosamente ricompensati, ma il più delle volte le entrate sono piuttosto irregolari. 

Che tu sia coinvolto o meno in una disciplina artistica, c'è molto che puoi imparare da qualcuno che è passato, con successo, dall'essere un musicista dilettante ad essere un professionista. Mario, un musicista berlinese di 36 anni, ci ha raccontato come gestisce il suo denaro per vivere finanziariamente con la musica. 



Preparati per il grande salto

Mario ha sognato di essere un musicista dall'età di 13 anni. Crescendo in Repubblica Dominicana e a New York, la concorrenza è stata molto dura. Faceva concerti sporadici e veniva pagato molto poco. Solo due anni fa si è sentito a un punto di svolta a livello professionale: "Ho cominciato ad essere pagato di più per suonare e, per la prima volta, ho pensato di potermi guadagnarmi da vivere".

Prima aveva un lavoro da dipendente e i soldi che arrivavano dalla musica erano un surplus che investiva in attrezzature: "Era molto importante per me, lo vedevo come un modo per ottenere l'indipendenza musicale. In questo modo, posso registrare le mie canzoni e mixarle, se necessario. Ho tutti i tipi di strumenti che mi servono per essere in grado di svolgere diversi ruoli nel processo di creazione", dice Mario. 

Ha anche risparmiato un po' di soldi. "Avevo messo in atto un sistema in cui mettevo sistematicamente da parte 100 euro da ogni stipendio. Alla fine, non erano più di 2.000 euro, più che altro li mettevo da parte dicendomi 'non si sa mai' perché sapevo che, alla fine, avrei fatto il salto". 


Valuta quali sono le tue fonti di reddito

La principale fonte di reddito di Mario come musicista, sono le esibizioni dal vivo

Se vuoi fare soldi con le registrazioni, dice: "Devi avere un gran numero di canzoni registrate al GEMA, l'ente che raccoglie e gestisce i diritti d’autore in Germania. Se non hai una grande raccolta, non ha senso".

Quindi, durante l'anno in cui le sale da concerto sono state chiuse o limitate, di cosa hanno vissuto i musicisti? Sappiamo che molti, purtroppo, sono in una situazione molto precaria: "Quando ho lasciato il mio precedente lavoro per suonare, non mi aspettavo che succedesse una cosa come il Covid. E se c'è una cosa che il Covid ha colpito duramente, sono i concerti". 


Diversifica per superare la crisi

Mario è rimasto attivo durante questi mesi grazie al coinvolgimento in diversi progetti: "Sono stato fortunato perché ho tenuto conto di una cosa che penso sia fondamentale per ogni freelance, cioè cercare diverse opzioni. Devi pensare a tutte le cose che puoi fare che ti permetteranno, se una porta si chiude, di aprirne un'altra". 

Nel suo caso, Mario suona diversi strumenti. "Ultimamente la mia band non ha fatto molti concerti, solo due o tre, visto che siamo piccoli, ma io suono anche in gruppi più grandi. Ho notato che per le band più grandi, specialmente quelle più pop – suono il basso e la chitarra per un'artista pop – l'attività non si è fermata come per gli altri generi. Sono stati in grado di adattarsi meglio a fare concerti registrati o televisivi, e questo genere di cose tende ad essere ben pagato.”

C'è anche un po' di denaro che arriva dagli ascolti su Spotify e dalle royalties su GEMA, ma, come abbiamo detto, non è molto, quindi non ha notato molta differenza. Mario, come molti altri musicisti, pensa che i sistemi di pagamento di Spotify e altri servizi di streaming non funzionino. Va principalmente a vantaggio dei grandi artisti mainstream, dato che Spotify ha accordi commerciali con le loro etichette per averli nel suo catalogo, il che significa che possono negoziare profitti migliori. 

Preparati alle possibilità future

La pandemia ha portato molte persone a ripensare alla loro situazione e a cercare nuove opportunità. "Sono fortunato che all'inizio della pandemia stavo ancora ricevendo la disoccupazione, ma mi sono reso conto che il governo, alla fine della giornata, purtroppo non è quello che ti copre le spalle. Non c'è stato molto aiuto di fronte al Corona. Quindi ora il mio piano è quello di aggiungere un altro elemento al mio lavoro di musicista freelance, che sarebbe, ad esempio, lavorare come tecnico del suono. È nello stesso campo, ma un po' al di fuori della parte artistica e decisamente un lavoro più pratico".


Organizza le tue spese

Secondo Mario, la spesa più grande per un musicista è sicuramente l’attrezzatura. Il lato positivo è che è deducibile dalle tasse.

"Organizzo il mio denaro tenendo presente che devo pagare le tasse come libero professionista". Questo è particolarmente importante dato che, come probabilmente sai, da freelance non è il tuo datore di lavoro che trattiene le tasse ma lo devi fare tu stesso. "Se non le ho ancora pagate, metto i soldi da parte nel mio conto. Se ho bisogno di comprarci qualcosa, sposto i soldi più tardi per mantenere il saldo". 

Anche la promozione dei pezzi musicali ha un costo importante, ma fortunatamente si può chiedere un aiuto: "A volte istituzioni come Initiative Musik o Musicboard Berlin possono darti soldi per la promozione. L'anno scorso, per esempio, hanno aiutato molte persone finanziariamente".

Un trucco per tenere traccia delle tue spese è usare fogli Excel. "In uno ho il mio budget mensile e so esattamente cosa devo spendere. Tutto quello che guadagno in più è un surplus, lo metto quindi in un altro foglio dove ho scritto in modo dettagliato le cose di cui ho bisogno per lo studio. Quando ho più soldi, li aggiungo e compro direttamente".


Investi in te stesso, ma gestisci i rischi

Come abbiamo detto, gli investimenti di Mario sono principalmente in strumenti. "Molti di questi sono estremamente costosi, ma so che tra cinque o sei anni non si svaluteranno. E se dovessi venderli, per esempio in caso di emergenza, potrei chiedere lo stesso prezzo o di più. Per fortuna, non ho mai dovuto vendere nulla". 

Nel suo caso, non si è mai indebitato per far partire un progetto. Una volta, ha anche preso un prestito per comprare un furgone per andare in tour, ma l'ha trovato troppo complicato e ha finito per restituirlo. "Tendo ad essere molto attento a queste cose e cerco di non mettermi in una situazione in cui avrò bisogno di chiedere denaro. Il problema principale del freelance è che non sai quando i soldi arriveranno. Questo è il motivo per cui non esagero mai". 

Dice che solo in un'occasione ha comprato attrezzature di seconda mano per un valore di 2.000 euro e ha accettato di pagarle in seguito. "Ognuno ha dei limiti diversi, io semplicemente non vado oltre certe somme, non mi metto nei guai per più di 3.000 euro. Forse tra due o tre anni sarò in una situazione più comoda".

Un'ultima raccomandazione: Machines degli Strand Child, la band di Mario.


Inspired? Try this!
Open your free account now and start saving every day.
Inspiriert? Probiere es selber!
Öffne jetzt dein kostenloses Konto und fang an täglich zu sparen.
Ceci vous inspire-t-il? Faites un essai!
Ouvrez maintenant votre compte gratuit et commencez à épargner tous les jours.
¿Inspirado? ¡Prueba esto!
Abra su cuenta gratuita ahora y comience a ahorrar todos los días.
Ispirato? Prova questo!
Apri subito il tuo account gratuito e inizia a risparmiare ogni giorno.