Conviene investire in Carrefour?

Pablo René-Worms
November 9, 2021
 · 
6 minuti
 · 
Vivid Invest

Quando esci di casa, quali sono i posti dove vai più spesso? Il tuo cinema preferito? Il bar della tua zona? Il tuo posto di lavoro? Probabilmente potremmo aggiungere anche i supermercati a questa lista. Dopo tutto, ogni giorno devi comprare del cibo. Ma al di là del semplice nutrimento, di solito ci puoi comprare anche le cose di cui hai bisogno per prenderti cura di te stesso e della tua casa. In pratica, tutti i prodotti di cui hai bisogno quotidianamente.

Il gruppo Carrefour è uno dei più importanti rivenditori al dettaglio della Francia. Negli ultimi anni, la catena di ipermercati e supermercati si è espansa a livello internazionale, con più o meno successo. Ma, in un momento di cambiamento dei modelli di consumo, e l'arrivo di nuovi attori nel settore della vendita al dettaglio come Gorillas o Flink, è ancora interessante investire in Carrefour?

Come sta evolvendo il prezzo delle azioni Carrefour?

Se aveste investito in Carrefour all'inizio del 2010, non avreste fatto un buon affare. 1.000 euro investiti nell'azienda all'epoca, oggi varrebbero quasi la metà, circa 560 euro. Questa evoluzione è esattamente l'opposto di quanto accaduto con l'indice di riferimento francese, il CAC 40, che è aumentato del 66% nello stesso periodo. In questo periodo, Carrefour ha avuto una performance inferiore a quella di tutte le più grandi società francesi quotate in borsa. Lo stesso vale per l'ultimo anno, con l’aumento del 13% del prezzo delle azioni del gigante della distribuzione rispetto al 40% dell'intero CAC 40.


Ovviamente questi risultati non tengono conto dei dividendi che Carrefour paga ai suoi azionisti. Sono una stima approssimativa del denaro che gli azionisti guadagnano o perdono quando investono nella società.

Questi risultati contrastanti sul mercato azionario significano che Carrefour è un'azienda in difficoltà? Per scoprirlo, diamo un'occhiata al rapporto sugli utili dell’azienda.

Come si calcola la performance di un rivenditore?

Prima di immergerci nei libri contabili di Carrefour, prendiamoci un momento per spiegare una delle metriche più importanti da analizzare quando si tratta di grande distribuzione: la crescita like-for-like (o LFL), detta anche in italiano confronto delle vendite periodo su periodo. In parole povere, questo indicatore permette di misurare l'evoluzione delle vendite di un'azienda da un periodo all'altro, prendendo in considerazione solo le vendite realizzate nei negozi che erano aperti durante il periodo di riferimento.

In pratica, immaginate di essere a capo di una catena di negozi e di avere 100 negozi in Francia. Avete avuto un buon anno e avete rilevato uno dei vostri concorrenti che aveva 25 negozi in Francia. Ora quindi avete 125 negozi. Per calcolare la vostra crescita like-for-like da un anno all'altro, prenderete in considerazione solo le vendite realizzate nei 100 negozi che già possedevate, escludendo i 25 che avete acquisito. Questa metrica, escludendo la crescita esterna, dà agli investitori un quadro più chiaro della performance reale dell'azienda.

Come fa i soldi Carrefour

Il LFL è particolarmente interessante nel caso di Carrefour, perché permette di affinare l'analisi dell'ultimo trimestre dell'azienda. Basandosi solo sull'evoluzione delle vendite del rivenditore, si può vedere che sono cresciute del 4% tra il terzo trimestre del 2020 e lo stesso periodo del 2021. Ma se ci atteniamo alla crescita LFL, allora sono cresciuti solo dello 0,8% tra il terzo trimestre 2020 e il 2021. In realtà, la crescita di Carrefour è guidata dalla sua politica di espansione (+1,7%) e dalle vendite di carburante (+2%).

Carrefour opera in nove paesi con negozi in Francia (49% delle vendite del gruppo), in altri paesi europei (Spagna, Italia, Belgio, Polonia e Romania e 28% delle vendite), in Sud America (Brasile e Argentina e 19,5% delle vendite) e in Asia (Taiwan), dove Carrefour genera il 3,5% delle sue vendite totali.


Anche in questo caso, se si guarda solo all'andamento complessivo delle vendite dell'azienda, le vendite sono in aumento in tutti i continenti. Tuttavia, se ci si concentra sulla crescita a parità di perimetro, le vendite di Carrefour sono aumentate solo in Sud America, dove sono cresciute del 7,3%, mentre sono diminuite nelle altre aree di attività del gruppo (-0,3% in Francia, -1,2% negli altri paesi europei e -5,2% a Taiwan). Ciò si spiega in gran parte con la pandemia di Covid-19, che ha avuto un forte impatto sul gruppo.

Qual è il futuro di Carrefour?

Come può Carrefour riprendersi da questo brutto periodo e affrontare le sfide future? Un primo indizio si può riscontrare nell'aumento delle vendite online del gruppo. Queste sono aumentate del 19% nel settore alimentare tra il terzo trimestre 2020 e il 2021 e addirittura del 100% tra il 2019 e il 2021.

La riduzione dei costi è una delle priorità del gruppo. Una delle principali spinte dell'attuale strategia di Carrefour è quella di cedere sempre più dei suoi negozi, vendendoli o dandoli in franchising, soprattutto in Europa. Nel terzo trimestre del 2021, il gruppo ha venduto sette dei suoi ipermercati spagnoli per 93 milioni di euro. In Italia, il gruppo ha dato in franchising più di 50 negozi dall'inizio dell'anno, mentre ha venduto 10 ipermercati e 44 supermercati in Francia. Questa tendenza è destinata a continuare nel 2022, dato che Carrefour ha già annunciato che darà in franchising diversi dei suoi negozi in Europa.

Infine, il futuro di Carrefour potrebbe comportare una partnership con uno dei suoi concorrenti. Durante l'anno, diversi tentativi di fusione o di vendita di Carrefour sono falliti. A gennaio, il gruppo canadese Couche-Tard ha cercato di acquisire Carrefour, prima che il governo francese si opponesse, citando un presunto rischio per la "sovranità alimentare" francese. All'inizio di ottobre, un accordo con la catena di supermercati francese Auchan è fallito a causa di un disaccordo nella valutazione di entrambe le società.

Gli altri giganti del settore del commercio al dettaglio bramano Carrefour, e la sua struttura azionaria potrebbe evolvere nei mesi o negli anni a venire. Eventuali future offerte di acquisizione potrebbero significare un possibile affare (futuro) per gli attuali azionisti di Carrefour, le cui azioni verrebbero probabilmente ricomprate a un importo superiore a quello che varrebbero al momento dell'acquisizione. In realtà, la maggioranza degli analisti dà attualmente un rating buy alle azioni di Carrefour. Su 19 analisi compilate da Market Screener, 15 considerano le azioni della società attualmente sottovalutate.

Alla fine, investire in Carrefour significa valutare se il gruppo riuscirà a riprendersi dalla pandemia di Covid-19, ma anche valutare una possibile futura vendita dell'azienda a uno dei suoi concorrenti. Decidere se investire o meno spetta, come sempre, a te.

Tutte le opinioni, notizie, ricerche, analisi o altre informazioni contenute in questo sito web sono fornite come commento generale del mercato e non costituiscono consigli o raccomandazioni sull'investimento e non devono essere percepite come ricerca (indipendente) sugli investimenti. L'autore o gli autori sono impiegati di Vivit e potrebbero aver investito privatamente in uno o più titoli menzionati in un articolo. Vivit Invest GmbH offre, come agente vincolato di CM-Equity AG, l'intermediazione di transazioni sull'acquisto e la vendita di strumenti finanziari ad eccezione di quelle nel settore del cambio di valuta mediate da Vivit Money GmbH

Inspired? Try this!
Open your free account now and start saving every day.
Inspiriert? Probiere es selber!
Öffne jetzt dein kostenloses Konto und fang an täglich zu sparen.
Ceci vous inspire-t-il? Faites un essai!
Ouvrez maintenant votre compte gratuit et commencez à épargner tous les jours.
¿Inspirado? ¡Prueba esto!
Abra su cuenta gratuita ahora y comience a ahorrar todos los días.
Ispirato? Prova questo!
Apri subito il tuo account gratuito e inizia a risparmiare ogni giorno.