Conviene investire in Vivendi?

Pablo René-Worms
July 13, 2021
 · 
6 minuti
 · 
Vivid Invest

Cosa hanno in comune un gioco per cellulari sviluppato da Gameloft, una partita di calcio trasmessa in Francia, Italia o Spagna su Canal + e l'ultimo singolo dei Migos distribuito da Universal Music? Semplice, sono tutti parte dello stesso consorzio: Vivendi.

Universal Music, Gameloft, Canal+, il gruppo pubblicitario Havas: la multinazionale di contenuti, media e comunicazione Vivendi è ovunque. Se guardate la televisione in Francia, ascoltate musica, giocate al cellulare, o anche solo vedete una pubblicità per strada, sarà quasi impossibile sfuggirle.

Ma vale la pena investirci?

Fino ad adesso, questa sarebbe stata una strategia piuttosto efficace. 1.000 euro investiti nel gigante dei contenuti all'inizio del 2010, oggi varrebbero circa 1.640 euro. Lo stesso importo, investito nello stesso periodo, nell'indice CAC 40 avrebbe reso circa 1.560 euro. Che questa sia un'azione con una performance migliore della media delle società francesi quotate in borsa, è stato di fatto confermato nell'ultimo anno: il prezzo delle azioni Vivendi è salito del 50% contro il 42% di tutte le società del CAC 40.


Dalla distribuzione d'acqua alla distribuzione di contenuti

Vivendi non è sempre stata chiamata Vivendi, e non è sempre stata nel business della musica e dell'intrattenimento. La storia risale a molto tempo fa. Il gruppo Vivendi è in realtà l'erede della Compagnie Générale des Eaux, fondata a metà del XIX secolo e la cui attività era basata sulla distribuzione dell'acqua in molte grandi città francesi.

Negli anni ‘80, l'azienda ha deciso di diversificare e investire nei media partecipando alla creazione del primo canale a pagamento della Francia: Canal+, una rivoluzione nel panorama dei media francesi. Questa strategia di diversificazione e di investimento aggressivo nelle telecomunicazioni e nei media continuò per tutti gli anni ‘90, fino al 1998 quando il cambiamento fu completo. La Compagnie Générale des Eaux ufficializzò in qualche modo il suo cambiamento di attività e si diede il nuovo nome Vivendi.


Più dura sarà la caduta

La fine degli anni ‘90 e gli anni 2000 furono un periodo di turbolenza per il gruppo. La divisione ambientale del gruppo fu venduta e l'azienda continuò l’espansione nel settore dei media, acquisendo o fondendosi a caro prezzo con aziende prestigiose, come il gruppo cinematografico Pathé, Universal, o l'editore di videogiochi Blizzard (li conoscete come i creatori di Warcraft).

La storia del successo fu bella, ma di breve durata. Il 10 marzo 2000, le azioni della società raggiunsero il loro livello più alto a 145,16 euro. Ma due anni dopo, crollarono. Afflitta da problemi di flusso di cassa e vicina all'insolvenza, con l'azienda che perdeva un miliardo di dollari al mese, il 16 agosto 2002 le azioni scesero al loro livello più basso a 8,35 euro. Licenziamenti di amministratori delegati e cessioni di attività si susseguirono, prima che l'azienda si riprendesse gradualmente, dimenticando i suoi sogni di dominio globale e concentrandosi sulle sue attività francesi.


La svolta di Bolloré

Come si può parlare di Vivendi senza citare il nome di uno dei più grandi razziatori del capitalismo francese di oggi: Vincent Bolloré. Questo erede di una cartiera bretone (produttrice delle carte OCB che forse usate per arrotolare le vostre sigarette), si è guadagnato la sua fama dagli anni '80 acquisendo partecipazioni in numerose società, un po' come un Warren Buffett francese. L'imprenditore è entrato nel capitale di Vivendi nel 2014 e ne è diventato il primo azionista, con l'obiettivo di fare del gruppo un leader dei media francesi. Anche se la strategia del nuovo capo del gruppo è stata accolta con favore dai mercati – il prezzo delle azioni del gruppo è salito di quasi il 70% da quando ha preso il controllo – è fonte di molte polemiche in Francia.

Bolloré sta affrontando diverse accuse da gran parte dell'establishment politico e mediatico francese tra cui: taglio dei costi, critiche di fare TV a basso costo e persino di voler influenzare il dibattito politico. Il principale azionista di Vivendi è noto per gestire il suo gruppo con il pugno di ferro e molti giornalisti hanno dovuto lasciare i vari canali, spesso costretti dalla loro direzione, a causa di disaccordi editoriali. Il canale di notizie 24 ore del gruppo, CNews, ha fatto una svolta editoriale di 180 gradi, diventando una sorta di Fox News francese, con molti editorialisti conservatori, mentre prima era noto per essere un canale progressista.

Oggi, il gruppo Vivendi continua la sua espansione nei media francesi, essendo diventato il primo azionista del gruppo Lagardère (proprietario di diversi canali radio e giornali nazionali) e desidera moltiplicare le sinergie tra i suoi diversi media. D'altra parte, ha anche iniziato a disimpegnarsi da Universal, poiché il 20% del capitale di Universal Music Group è stato venduto al colosso asiatico di Internet Tencent.

Oggi, investire in Vivendi significa scommettere su una società che ha deciso di rifocalizzare il suo business sui media francesi e abbandonare il suo sogno di dominio internazionale. La scelta di Vincent Bolloré sarà quella giusta?


Tutte le opinioni, notizie, ricerche, analisi o altre informazioni contenute in questo sito web sono fornite come commento generale del mercato e non costituiscono consigli o raccomandazioni sull'investimento e non devono essere percepite come ricerca (indipendente) sugli investimenti. L'autore o gli autori sono impiegati di Vivid e potrebbero aver investito privatamente in uno o più titoli menzionati in un articolo. Vivid Invest GmbH offre, come agente vincolato di CM-Equity AG, l'intermediazione di transazioni sull'acquisto e la vendita di strumenti finanziari ad eccezione di quelle nel settore del cambio di valuta mediate da Vivid Money GmbH.

Inspired? Try this!
Open your free account now and start saving every day.
Inspiriert? Probiere es selber!
Öffne jetzt dein kostenloses Konto und fang an täglich zu sparen.
Ceci vous inspire-t-il? Faites un essai!
Ouvrez maintenant votre compte gratuit et commencez à épargner tous les jours.
¿Inspirado? ¡Prueba esto!
Abra su cuenta gratuita ahora y comience a ahorrar todos los días.
Ispirato? Prova questo!
Apri subito il tuo account gratuito e inizia a risparmiare ogni giorno.