Dovrei investire in Disney?

Paula Cabrito de la Torre
August 5, 2021
 · 
6 minuti
 · 
Vivid Invest

Tutti conoscono la Disney. È legata alla nostra infanzia da molte generazioni, ed è probabilmente l'azienda più vecchia di cui vi abbiamo parlato sul blog. È stata quotata in borsa più di sei decenni fa, nel 1957, per 13,88 dollari. Se vostro nonno avesse investito 1000 dollari allora, oggi quelle azioni varrebbero 12.896 dollari, senza considerare che i dividendi sarebbero stati probabilmente reinvestiti. Ok, senza andare così indietro nel tempo, se avessi investito 1000 dollari 10 anni fa ora avresti 3.632 dollari. È vero, non è redditizia come Netflix. L'azienda di Topolino ha attraversato i suoi alti e bassi nel corso degli anni, ma nel lungo periodo offre un rendimento migliore dello S&P 500, che nello stesso periodo vi avrebbe fatto guadagnare 2.406 dollari.

Con le sue varie divisioni, raggiunge un numero enorme di imprese e marchi diversi nell'industria dell'intrattenimento e dei media. Il mondo della Disney è stato saldamente inserito nella cultura popolare fin dall'inizio del XX secolo, questo significa che l'azienda ha la fiducia degli investitori? L'industria sta cambiando e ci sono molti nuovi ed entusiasmanti giocatori nel mondo dell'intrattenimento. La Disney sarà in grado di continuare ad offrire un modello di business redditizio e competitivo?

L'uomo creativo dalla visione ambiziosa

La Walt Disney Company fu fondata nel 1923 dai fratelli Walt e Roy Disney a Hollywood. Il suo nome originale era Disney Brothers Cartoon Studio, ma nel 1925 fu rinominata Walt Disney Studios su insistenza del fratello minore. Entrambi contribuirono allo stesso modo al successo dell'azienda, Walt come mente creativa e Roy come uomo d'affari, ma fu il contributo di Walt che rese questa ricetta unica.

Con il suo primo film, Biancaneve e i sette nani, uscito nel 1937, Disney raggiunse il riconoscimento mondiale. Fin dall'inizio, l'azienda si divise in più sottogruppi per formare un conglomerato. Nel 1955, Disneyland aprì per la prima volta nella periferia di Los Angeles, creando un nuovo concetto di parco a tema e dando quindi il via a una nuova linea di business. Un paio di anni dopo, nel 1957, fu quotata alla NYSE.

Walt Disney morì nel 1966, ma il suo impero dell'intrattenimento continuò ad espandersi, con nuove produzioni audiovisive, parchi in tutto il mondo, e persino un canale televisivo dedicato (The Disney Channel), o una catena di negozi di merchandising (Disney Store).

Dagli anni ‘90, Disney ha continuato a crescere grazie a una serie di fusioni. La lista è lunga: da ABC nel 1996 a Pixar Animation, Marvel Entertainment, Lucasfilm o la sua concorrente di lunga data 20th Century Fox nel 2019, Disney ha ampliato la sua stretta sul mondo dell'intrattenimento. L'azienda ha anche deciso di mettere piede nel mondo dello sport, visto che ora possiede anche la piattaforma video ESPN+.

Attualmente, The Walt Disney Company è uno dei 3 più grandi conglomerati di media e intrattenimento del mondo, e il suo market cap è di 325 miliardi di dollari al momento in cui scriviamo.

Come vanno le finanze della Disney?

COVID-19 è stata la parola chiave dell'ultimo anno per Disney. Infatti, è menzionata 121 volte nel loro rapporto annuale del 2020. La pandemia ha inferto un duro colpo all'azienda, che per più di un anno ha dovuto chiudere i suoi parchi di divertimento, annullare le crociere e ha visto i cinema impossibilitati a mostrare le sue produzioni.

La situazione attuale, secondo il rapporto sugli utili del Q2 2021, è che le entrate sono in calo del 13% rispetto allo stesso periodo del 2020, ed è il quarto trimestre consecutivo in cui le entrate sono in calo. 

Guardiamo da dove provengono le entrate. Disney divide il suo business in quattro segmenti: 

  • I suoi Media Networks controllano la rete televisiva ABC (American Broadcasting Company), così come i marchi Disney, ESPN, Freeform, FX e National Geographic. Questo segmento è anche coinvolto nella produzione e distribuzione televisiva.
  • Attraverso Studio Entertainment, Walt Disney Studios produce e distribuisce film e serie sotto i marchi Walt Disney Pictures, Disney Animation, Pixar, Twentieth Century Studios, Marvel Entertainment, Lucasfilm, Searchlight Pictures e Blue Sky Studios. Inoltre, sviluppa, produce e concede in licenza eventi di intrattenimento dal vivo; produce e distribuisce musica e fornisce servizi di post-produzione.
  • Direct-to-Consumer gestisce i servizi di streaming Disney+, ESPN+ e Hulu che offrono contenuti a marchio Disney, Pixar, Marvel, Star Wars e National Geographic. Il numero di abbonati pagati a Disney+ è triplicato da 33,5 milioni a 103,6 milioni di utenti dal secondo trimestre dello scorso anno, ma è ancora inferiore alle stime. ESPN+ è migliorato del 75% (da 7,9 a 13,8) e Hulu del 30% (da 32,1 a 41,6). I ricavi del trimestre sono aumentati del 59% a 4,0 miliardi di dollari e la perdita operativa è diminuita da 0,8 a 0,3 miliardi di dollari.
  • Parks, Experiences and Products – come suggerisce il nome – gestisce parchi a tema in tutto il mondo, la Disney Cruise Line, e la vendita di merchandising o prodotti con il marchio e i personaggi. Le sue entrate dell'ultimo trimestre sono diminuite del 44%, e i risultati operativi si sono conclusi con una perdita di 406 milioni di dollari.


La dolce e lucrativa torta dell’intrattenimento

Disney, insieme a AT&T, Comcast e ViacomCBS, è oggi uno dei più grandi conglomerati mediatici del mondo.

Se confrontiamo l'andamento delle azioni di due dei grandi giganti dei media con Netflix – coinvolto nell'industria dell'intrattenimento, nonché una delle aziende che ha prosperato di più durante la pandemia –, vediamo che i grandi conglomerati hanno sofferto molto di più.

Normalmente la diversificazione rende le aziende più resistenti alle crisi. In questo caso invece, il business di Netflix, dedicato quasi esclusivamente alla produzione di video e ai servizi di streaming, ha beneficiato molto del cambiamento delle abitudini del tempo libero nell'ultimo anno e mezzo. Come abbiamo visto in precedenza, molte delle scommesse più potenti di Disney hanno subito pesanti perdite e questo ha avuto un impatto sul suo prezzo delle azioni. 

Ma le cose potrebbero cambiare. La crescita degli abbonati a Netflix ha rallentato bruscamente, da 16 milioni nel Q1 2020 (picco del blocco) a 1,5 milioni nel Q2 2021 e da allora, Disney è andata incontro a un aumento comparativamente molto più alto. Potrebbe la crescita di Netflix essere stagnante?

La Disney ora può riaprire i suoi parchi e i cinema possono proiettare le sue prossime uscite. I personaggi dei Marvel Studios, già molto sconosciuti prima dell'acquisizione della società, si stanno dimostrando molto redditizi. Con Black Widow, la Disney ha incassato 80 milioni di dollari al box office americano, 78 milioni di dollari a livello internazionale e 60 milioni di dollari dallo streaming su Disney+ durante il suo weekend di apertura.

La domanda ora è: pensate che l'azienda di Topolino riuscirà a recuperare le perdite e continuare a guidare questo settore altamente competitivo? Baby Yoda è un esempio dell'importanza che i personaggi Disney hanno ancora nella cultura pop.


Tutte le opinioni, notizie, ricerche, analisi o altre informazioni contenute in questo sito web sono fornite come commento generale del mercato e non costituiscono consigli o raccomandazioni sull'investimento e non devono essere percepite come ricerca (indipendente) sugli investimenti. L'autore o gli autori sono impiegati di Vivid e potrebbero aver investito privatamente in uno o più titoli menzionati in un articolo. Vivid Invest GmbH offre, come agente vincolato di CM-Equity AG, l'intermediazione di transazioni sull'acquisto e la vendita di strumenti finanziari ad eccezione di quelle nel settore del cambio di valuta mediate da Vivid Money GmbH.


Inspired? Try this!
Open your free account now and start saving every day.
Inspiriert? Probiere es selber!
Öffne jetzt dein kostenloses Konto und fang an täglich zu sparen.
Ceci vous inspire-t-il? Faites un essai!
Ouvrez maintenant votre compte gratuit et commencez à épargner tous les jours.
¿Inspirado? ¡Prueba esto!
Abra su cuenta gratuita ahora y comience a ahorrar todos los días.
Ispirato? Prova questo!
Apri subito il tuo account gratuito e inizia a risparmiare ogni giorno.