Dovrei investire in Nike?

Pablo René-Worms
July 13, 2021
 · 
6 minuti
 · 
Vivid Invest

L'estate sta arrivando, e con essa la stagione delle competizioni sportive internazionali. Tra gli europei di calcio, la Copa America in Sud America e i Giochi olimpici di Tokyo, i prossimi mesi saranno molto impegnativi per gli atleti e i loro fan. Quando si parla di competizione sportiva, bisogna anche parlare di equipaggiamento sportivo e del marchio che intende approfittare di questo periodo per stabilire la sua posizione dominante sul mercato: Nike.

Il marchio è, tra le tante cose, il fornitore ufficiale dell'equipaggiamento di 9 delle 24 squadre nazionali che partecipano a Euro 2020 (sì, quello che si svolge nel... 2021) e delle calzature di 320 giocatori (52% del totale) che partecipano al torneo.

Quindi sì, la ditta americana veste la maggior parte degli atleti. È anche molto probabile che tu abbia alcuni dei loro capi nel tuo guardaroba. Ma vale la pena investire in Nike?

Fino ad ora questa sarebbe stata una strategia efficace. 1.000 euro investiti nel gigante sportivo all'inizio del 2010 oggi varrebbero circa 8.370 euro. A titolo di confronto, lo stesso importo investito nello stesso periodo nell'indice di riferimento americano, lo S&P 500, avrebbe fruttato circa 3.700 euro. Anche se Nike si è comportata molto meglio della maggior parte delle aziende americane nell'ultimo decennio, recentemente l'evoluzione del prezzo delle sue azioni  è un po' peggiorata. Nell'ultimo anno, le azioni della società sono aumentate del 35%. Contro il 38,5% dell'indice S&P 500. 

Dalle scarpe da ginnastica alle Air Jordan

Creata nel 1964 da Bill Bowerman e Philip Knight negli Stati Uniti, l'azienda con sede in Oregon si chiamava inizialmente Blue Ribbon Sports ed era specializzata in scarpe da ginnastica. Nel 1971, questa cambiò il suo nome in Nike, ispirandosi alla dea greca della vittoria. Questo è il momento in cui l'azienda ottenne il suo famoso logo. Il mitico swoosh fu disegnato da una studentessa di arti grafiche, Carolyn Davidson, per la modica cifra di 35 dollari. All'epoca Philip Knight non era convinto, ma decise comunque di usarlo perché non voleva spenderci altri soldi. Gli anni '70 passarono e Nike rosicchiò gradualmente quote di mercato ai giganti della scarpa che erano Adidas e Reebok. Il marchio americano, nel 1981, divenne addirittura la scarpa sportiva numero 1 negli Stati Uniti e ne approfittò per quotarsi in borsa lo stesso anno.

Gradualmente, Nike decise di smettere di concentrarsi unicamente sull'atletica e di affrontare altri sport. Nel 1984, l'azienda formò una partnership con il giocatore di basket Michael Jordan e creò il brand Jordan. Questo rappresentò una pietra miliare nella storia dell'azienda con lo swoosh, che approfittò della popolarità globale dell'icona del basket per entrare nell'inconscio collettivo. Da quel momento in poi, Nike rimase in pole position nel mercato delle scarpe sportive e ampliò la sua gamma di equipaggiamento sportivo andando ad attaccare molte altre discipline come il calcio, l'hockey su ghiaccio, il rugby o persino il ciclismo. Il marchio iniziò anche ad entrare nelle grazie degli appassionati di moda e le sue scarpe da ginnastica passarono dall’essere un abbigliamento puramente atletico, ad essere progettate come accessori di moda.


Come fa Nike a fare soldi?

Originariamente dedicata solo al mercato americano, nel corso dei decenni, Nike è diventata un'azienda globale. Per saperne un po' di più sulle fonti delle sue entrate, non c’è niente di più facile che immergersi nel nostro documento preferito, il suo rapporto sugli utili.

Ad oggi, il 36% delle entrate di Nike provengono dal Nord America. L’azienda è presente in tutto il mondo, ma sta vivendo un boom spettacolare in Cina, dove le sue entrate trimestrali sono passate da 556 milioni di dollari alla fine di febbraio 2020 a 973 milioni di dollari nello stesso periodo di un anno dopo, un aumento del 51%! Esattamente come i marchi di lusso (ad esempio LVMH), l'azienda americana sta cercando di approfittare del boom economico cinese per aumentare le sue entrate. Inoltre sta conducendo una feroce battaglia su questo mercato con il suo principale concorrente Adidas che, secondo il suo rapporto sugli utili, ha visto un aumento delle sue vendite nette in Cina del 151% nello stesso periodo.

Anche se Nike ha diversificato la sua gamma di prodotti e ora ha aggiunto al suo catalogo tutta una serie di altre attrezzature sportive, le calzature rimangono ancora di gran lunga la sua principale fonte di guadagno. Dei quasi 10 miliardi di dollari guadagnati dall'azienda nel primo trimestre del 2021, circa due terzi provengono dalle vendite di scarpe sportive e altre sneakers.


Nike or Adidas, quale scegliere?

Il principale concorrente di Nike nel mercato degli equipaggiamenti sportivi è ovviamente Adidas. Le due aziende sono impegnate in una battaglia feroce con una serie di innovazioni tecniche e contratti di sponsorizzazione con i più grandi atleti del mondo. Ma qual è la situazione dei mercati?

Dall'inizio dell'anno, l'azienda americana non sta andando così bene rispetto al suo concorrente tedesco, dato che il prezzo delle sue azioni ha perso quasi il 7%, mentre quello di Adidas è rimasto quasi invariato. 

Questo significa che non si dovrebbe investire in Nike? Non necessariamente. Secondo gli analisti, il prezzo delle azioni è attualmente sottovalutato e la stragrande maggioranza dei quali dà un rating "Buy" all'azienda. Tenete presente che potrebbero sbagliarsi, ma questo rappresenta la media di tutte le loro opinioni. 

Alla fine, investire in Nike significa anche scommettere se l'azienda manterrà o meno la sua posizione dominante nel mercato dell’equipaggiamento sportivo e, soprattutto, su chi vincerà la battaglia per la Cina.

Tutte le opinioni, notizie, ricerche, analisi o altre informazioni contenute in questo sito web sono fornite come commento generale del mercato e non costituiscono consigli o raccomandazioni sull'investimento e non devono essere percepite come ricerca (indipendente) sugli investimenti. L'autore o gli autori sono impiegati di Vivid e potrebbero aver investito privatamente in uno o più titoli menzionati in un articolo. Vivid Invest GmbH offre, come agente vincolato di CM-Equity AG, l'intermediazione di transazioni sull'acquisto e la vendita di strumenti finanziari ad eccezione di quelle nel settore del cambio di valuta mediate da Vivid Money GmbH.

Inspired? Try this!
Open your free account now and start saving every day.
Inspiriert? Probiere es selber!
Öffne jetzt dein kostenloses Konto und fang an täglich zu sparen.
Ceci vous inspire-t-il? Faites un essai!
Ouvrez maintenant votre compte gratuit et commencez à épargner tous les jours.
¿Inspirado? ¡Prueba esto!
Abra su cuenta gratuita ahora y comience a ahorrar todos los días.
Ispirato? Prova questo!
Apri subito il tuo account gratuito e inizia a risparmiare ogni giorno.