Perché alcune aziende decidono di lasciare il mercato azionario?

Pablo René-Worms
October 25, 2021
 · 
6 minuti
 · 
Vivid Invest

Le azioni di Apple sono salite dell'1,06%. Amazon ha avuto una buona giornata e le sue azioni hanno guadagnato il 2,31%. Ford oggi ha avuto una giornata tosta e le sue azioni sono in calo del 3,2%. Siete abituati a leggere questo tipo di frasi sui giornali o sull’editoriale Vivid. Si riferiscono a società quotate in borsa le cui azioni fluttuano, in parte, seguendo la fiducia che gli investitori danno loro. Ma, mentre l'obiettivo di molte aziende è quello di diventare pubbliche, alcune decidono di fare il contrario e lasciare i mercati. Quindi, quali sono le ragioni per cui un'azienda decide di diventare privata e cosa significa questo per i suoi azionisti?

Come tornare ad essere un’azienda privata

Mettiamo caso che tu sia l'amministratore delegato e il maggior azionista di una società quotata in borsa e abbia deciso di farla uscire dai mercati. Come procederesti?

In termini molto semplici, dovresti comprare ogni singola azione della società. 

Tipicamente, in un'operazione di "takeover" un grande gruppo o un consorzio di società con capitale proprio, comprerà le azioni di una società quotata in borsa. È anche possibile che la persona che decide di togliere una società dalla borsa, sia il suo principale azionista.

A causa delle grandi dimensioni della maggior parte delle società quotate, con valutazioni che vanno da diverse centinaia di milioni a diversi miliardi di dollari, di solito non è possibile per una società o un individuo finanziare autonomamente l'acquisto.

L'acquirente ha generalmente bisogno di ottenere un finanziamento da una banca d'investimento o da un creditore in grado di fare prestiti sufficienti per aiutare a finanziare (e chiudere) la transazione.

E questo è tutto! Sembra semplice. Ma lo è davvero? Sì e no.


E gli azionisti?

Non tutte le azioni di una società fluttuano sul mercato azionario. Alcune appartengono a investitori che le tengono a lungo termine. Per uscire dai mercati finanziari, l'acquirente della società deve convincere gli azionisti a vendere le loro azioni. Ma come si fa? Semplicemente usando il linguaggio più apprezzato dagli investitori: quello del denaro.


Immagina che qualcuno voglia assolutamente comprare l'appartamento che possiedi. Ti senti a tuo agio in quella casa e non hai alcuna intenzione di lasciarlo. Per convincerti, ti faranno un'offerta che non potrai rifiutare. No, non una che implichi sangue e lacrime. Probabilmente ti offriranno più soldi per il tuo appartamento, rispetto al suo attuale valore di mercato.

Succede la stessa cosa quando si vuole togliere una società dal mercato azionario. Le azioni dei vari azionisti devono essere comprate dalla persona che vuole rendere la società privata, dato che questa deve arrivare a possederle tutte. In questo caso, il potenziale acquirente farà un'offerta per azione ad un prezzo superiore a quello attuale delle azioni in vendita sul mercato. Questo viene chiamato premio. Ultimamente, l'ammontare di questi premi è esploso, raggiungendo una media del 45% per le aziende europee e del 42% per quelle statunitensi dall'inizio dell'anno. Un grande affare, non è vero? Questo spiega perché il prezzo delle azioni di una società aumenta quando viene fatta una tale offerta.

Ma perché tornare privati?

Perché alcune aziende decidono di uscire dal mercato azionario? Un’IPO è principalmente motivata dal desiderio di aumentare il capitale della società per aiutarla a crescere, ma ci sono svariate ragioni per cui una società possa decidere di diventare privata, e sono diverse da una situazione all'altra.

Essere un'azienda quotata in borsa comporta dei vincoli: bisogna pubblicare i risultati trimestrali, essere conforme alle regole delle piattaforme di trading, sei vulnerabile agli scossoni del mercato e alla pressione degli azionisti sulla strategia dell'azienda, ecc.

I costi associati a un’IPO e le commissioni di intermediazione possono anche scoraggiare gli amministratori di una società. Inoltre, essere quotati all'Euronext o alla Borsa di New York costa.

Un'altra ragione per cui una società può voler diventare privata è quella di riprendere il controllo delle sue operazioni e sfuggire alla pressione degli azionisti. Questi infatti sono generalmente più interessati ai risultati a breve termine (e che portano dividendi), piuttosto che all'evoluzione a lungo termine di una società.

Questo ad esempio, è il motivo per cui l'operatore francese di telecomunicazioni Iliad, ha deciso di lasciare il mercato azionario lo scorso luglio. È stato un processo nato dall’iniziativa del suo fondatore e principale azionista, l'uomo d'affari Xavier Niel, che ha comprato tutte le azioni della società.

Lo scopo dell'operazione è stato quello di togliere il suo gruppo dalla pressione dei mercati, che Xavier Niel credeva lo sottovalutassero, ma anche di poter mettersi nell’ottica di fare investimenti a lungo termine. Nell'annunciare l'offerta pubblica di acquisto, Xavier Niel ha sottolineato che "la nuova fase di sviluppo di Iliad richiede trasformazioni rapide e investimenti significativi che saranno più facili da realizzare come società non quotata".

Gli "investimenti significativi" annunciati da Xavier Niel potrebbero significare un calo significativo dei profitti per alcuni anni. Questo potrebbe essere un cattivo segnale per gli azionisti, con il conseguente rischio di un calo del prezzo delle azioni della società, anche se fa investimenti che considera redditizi a lungo termine.

Quando il prezzo delle azioni di una società scende, è più facile per uno dei suoi concorrenti fare un'offerta pubblica di acquisto. Nel caso di Iliad, un ritiro potrebbe anche essere un modo per l'azienda di proteggersi per evitare questo scenario.


Quali sono i limiti del tornare ad essere un’azienda privata?

Sfuggire alla pressione dei mercati finanziari, riprendere il controllo delle operazioni, liberarsi dai vincoli amministrativi legati all'essere quotati in borsa: sono tutte ragioni che possono spingere un'azienda a diventare privata. Ma ne vale davvero la pena? Quali sono i rischi per un'azienda che decide di non essere più quotata in borsa?

Come già accennato, tornare ad essere un’azienda privata, significa riacquistare le azioni dell'azienda dai suoi azionisti. Questo ha un costo considerevole ed è generalmente finanziato dal debito. Di solito, un'azienda che diventa privata avrà una grande quantità di debito da ripagare ai suoi creditori.

Un'altra potenziale insidia è la difficoltà che le aziende non quotate possono avere nel raccogliere fondi per finanziare la loro crescita. È più facile aumentare il capitale emettendo nuove azioni che andare a pesca di grandi investitori, gli unici in grado di portare abbastanza denaro per aiutare a finanziare una grande azienda.

Ma un'uscita dal mercato azionario può anche essere temporanea. L'esempio più classico di un’azienda ritornata privata prima di tornare nuovamente sui mercati è il gigante informatico Dell. Nel febbraio 2013, Michael Dell, capo dell'azienda tecnologica, ha deciso di uscire dal mercato. Le azioni dell'azienda valevano allora solo 13 dollari dopo aver oscillato intorno ai 50 dollari all'inizio degli anni 2000.

Tuttavia, Dell non è rimasta lontana dal mercato per molto tempo: è tornata in borsa nel 2018 comprando una società già quotata, VMware, che le ha permesso di evitare il processo a volte particolarmente tedioso di una IPO tradizionale. Oggi un'azione di Dell vale più di 100 dollari.

Quindi, lasciare il mercato azionario è una buona idea? È difficile rispondere sì o no, ma una cosa è certa. Se sei un azionista di una società che decide di fare questo passo, potresti essere coinvolto in un buon affare.

Tutte le opinioni, notizie, ricerche, analisi o altre informazioni contenute in questo sito web sono fornite come commento generale del mercato e non costituiscono consigli o raccomandazioni sull'investimento e non devono essere percepite come ricerca (indipendente) sugli investimenti. L'autore o gli autori sono impiegati di Vivid e potrebbero aver investito privatamente in uno o più titoli menzionati in un articolo. Vivid Invest GmbH offre, come agente vincolato di CM-Equity AG, l'intermediazione di transazioni sull'acquisto e la vendita di strumenti finanziari ad eccezione di quelle nel settore del cambio di valuta mediate da Vivid Money GmbH.

Inspired? Try this!
Open your free account now and start saving every day.
Inspiriert? Probiere es selber!
Öffne jetzt dein kostenloses Konto und fang an täglich zu sparen.
Ceci vous inspire-t-il? Faites un essai!
Ouvrez maintenant votre compte gratuit et commencez à épargner tous les jours.
¿Inspirado? ¡Prueba esto!
Abra su cuenta gratuita ahora y comience a ahorrar todos los días.
Ispirato? Prova questo!
Apri subito il tuo account gratuito e inizia a risparmiare ogni giorno.