Perché gli investitori scommettono su aziende che non rendono?

Paula Cabrito de la Torre
September 14, 2021
 · 
4 minuti
 · 
Vivid Invest

L'obiettivo di qualsiasi azienda è fare affari e realizzare un profitto, giusto? Allora perché alcune delle aziende più popolari, conosciute per la loro spettacolare performance in borsa, non hanno mai realizzato un vero profitto o ne hanno avuto uno minimo? Abbiamo esempi come Tesla, Uber o Spotify. Perché gli investitori mettono i loro soldi in aziende che non sono redditizie? Te lo spiegherò in questo post, seguimi.

Come funziona il business

La prima volta che ho lavorato in una start-up, non ne capivo affatto il modello di business. L'azienda stava crescendo rapidamente, le persone entravano e uscivano costantemente, e c'erano un sacco di benefici, tipo enormi feste con open bar e tonnellate di cibo quasi ogni giorno. Una volta sono persino venuti dei massaggiatori per aiutarci a sentire meno lo stress. Beh, questo è solo un aneddoto. In breve: ero stupita nel vedere un'azienda spendere soldi come se piovessero dal cielo senza avere nessun profitto, e allo stesso tempo, riuscire a continuare a ricevere milioni di euro dagli investitori. 

Giusto. È una start-up, non una società quotata in borsa. Ma di recente abbiamo visto molte start-up che si sono quotate senza aver riportato un profitto – in effetti, meno di un terzo delle aziende che sono state quotate nel 2019 aveva un profitto. E dopo la quotazione in borsa? Anche dopo, molte continuano a non creare un profitto. 

Per esempio, Spotify è stata quotata in borsa nel 2018 con un margine operativo lordo negativo e, negli anni successivi, non solo non ha generato alcun profitto annuale, ma ha aumentato le sue perdite da 73 milioni di euro nel 2019 a 293 milioni di euro nel 2020. Questo perché, nonostante la crescita delle sue entrate, per continuare a crescere ha dovuto sostenere spese molto alte nella creazione di contenuti, nel marketing, nelle vendite e nell’assicurarsi i diritti dei contenuti audio e video. 

Solo negli ultimi due rapporti trimestrali sugli utili, primo e secondo trimestre del 2021, i suoi risultati hanno finito per essere positivi. Sorprendentemente dal 15 febbraio, quando il prezzo delle sue azioni ha raggiunto il picco del 129% più alto della sua IPO, la tendenza è virata verso il basso.

Perché gli investitori hanno messo i loro soldi nel titolo quando questo non riusciva ad essere redditizio, e perché sembrano ritirare la loro fiducia ora che invece sta facendo soldi? La ragione è allo stesso tempo molto semplice e molto complessa: sono spinti dalla promessa di una grande crescita.

Investimento per la crescita vs. investimento sul valore

Nello stesso modo in cui abbiamo spiegato che ci sono due tipi di investitori, i tori e gli orsi, ci sono anche diversi stili di investimento. Gli investitori più tradizionali seguono strategie basate sull’investimento sul valore: cercano aziende con buoni risultati e dividendi generosi, e cercano di individuare azioni che al momento sono sottovalutate, le cosiddette gemme nascoste, e che credono che alla fine saliranno. 

Per fare questo, esaminano i fondamentali dell'azienda (ricordate l'analisi fondamentale?) e confrontano i rapporti finanziari prima di prendere le loro decisioni. Investire sul valore è generalmente considerato meno rischioso perché di solito i prezzi delle azioni tendono a salire lentamente e sono meno volatili. Esempi di questo tipo di azioni includono Volkswagen e Ford. 

Se si è più intrepidi invece, c'è l’investimento sulla crescita. Le aziende che questo tipo di investitore sceglie, non sono necessariamente redditizie né pagano dividendi. Tendono ad essere aziende innovative che sono leader nel loro settore o si distinguono per qualche motivo, spesso basato su metriche alternative come il numero di utenti. Molte di queste aziende, pur non avendo attualmente una buona performance, offrono un potenziale di crescita e di guadagno superiore alla media. Il loro prezzo delle azioni rispetto ai loro guadagni è spesso alto. La loro rapida espansione o la loro eccezionale quota di mercato porta alcuni investitori a credere che avranno un ruolo di primo piano nel futuro e un aumento esponenziale del prezzo delle azioni. Ma, naturalmente, questo potrebbe non essere il caso. In generale, sono azioni più volatili.

Un chiaro esempio è Tesla. La casa automobilistica ha debuttato sul mercato azionario nel 2010 senza aver mai realizzato un profitto, e solo 10 anni dopo, nel 2020, ha realizzato degli utili annuali per la prima volta. Anche così, il suo prezzo delle azioni è ben al di sopra delle grandi aziende dell'industria automobilistica, come VW e Ford. Sembra che Elon Musk sia stato molto bravo a vendere la promessa che Tesla sarà un giocatore importante nel mercato automobilistico del futuro.

Torniamo a Spotify. La posizione dominante dell'azienda nel mercato dello streaming musicale ha un costo elevato. Per gli investitori però, questa spesa vale la pena perché il numero di abbonati è in costante crescita e ha la più grande quota di mercato nel suo settore. Tuttavia, per sostenersi, Spotify avrebbe bisogno di aumentare i prezzi dei suoi abbonamenti, altrimenti tornerebbe probabilmente in perdita. Ma, per quanto il mercato sia competitivo ora, probabilmente non è il momento migliore. Di conseguenza, quando le prospettive hanno cominciato a diventare meno ottimistiche, gli investitori basati sulla crescita sembrano aver perso la fiducia. 


Quindi, vale la pena investire in aziende non redditizie?

Investire in un'azienda innovativa e dirompente può farvi fare un sacco di soldi. Le grandi aziende tecnologiche che ora vediamo guidare l'S&P 500 una volta erano grandi promesse in perdita. Investire sulla crescita è diventata una tendenza con molto hype nell'ultimo decennio, e ora l'obiettivo di molti investitori è trovare la nuova Amazon.

L'azienda di Jeff Bezos incarna l'esempio perfetto di una promessa che ha mantenuto le aspettative. Ci sono voluti 10 anni dalla sua fondazione e 7 anni dalla sua IPO per vedere del profitto. Ma ora, 7 anni dopo quella svolta, Amazon riporta risultati astronomici. Il suo reddito netto annuale per il 2020 è stato di 21 miliardi di dollari, un aumento dell'84,08% rispetto al 2019. 

Tuttavia, ci sono anche aziende che non sappiamo se saranno mai redditizie. Uber è enorme, ma sarà mai sostenibile? Potrebbe essere che, intorno a società tecnologiche come Snap e Lyft, si sia creata una bolla?

In ogni caso, i criteri degli investitori per decidere dove mettere i loro soldi negli ultimi anni sono indubbiamente cambiati molto, e il rischio è percepito in modo diverso. Una buona strategia per raccogliere i benefici di queste aziende innovative senza esporsi a troppi rischi, è quella di diversificare e investire solo una percentuale fissa del proprio portafoglio in questi asset. L'importo dipenderà dalla vostra tolleranza al rischio, dai vostri obiettivi d'investimento e dal vostro orizzonte temporale.

Tutte le opinioni, notizie, ricerche, analisi o altre informazioni contenute in questo sito web sono fornite come commento generale del mercato e non costituiscono consigli o raccomandazioni sull'investimento e non devono essere percepite come ricerca (indipendente) sugli investimenti. L'autore o gli autori sono impiegati di Vivid e potrebbero aver investito privatamente in uno o più titoli menzionati in un articolo. Vivid Invest GmbH offre, come agente vincolato di CM-Equity AG, l'intermediazione di transazioni sull'acquisto e la vendita di strumenti finanziari ad eccezione di quelle nel settore del cambio di valuta mediate da Vivid Money GmbH.


Inspired? Try this!
Open your free account now and start saving every day.
Inspiriert? Probiere es selber!
Öffne jetzt dein kostenloses Konto und fang an täglich zu sparen.
Ceci vous inspire-t-il? Faites un essai!
Ouvrez maintenant votre compte gratuit et commencez à épargner tous les jours.
¿Inspirado? ¡Prueba esto!
Abra su cuenta gratuita ahora y comience a ahorrar todos los días.
Ispirato? Prova questo!
Apri subito il tuo account gratuito e inizia a risparmiare ogni giorno.